L’articolo 56, D.L. 18/2020
ha introdotto misure di sostegno finanziario per le imprese danneggiate dalla
diffusione del COVID-19 che hanno esposizioni debitorie nei confronti delle
banche, degli intermediari finanziari e degli altri soggetti abilitati alla concessione
del credito in Italia.

La circolare ABI n.
protocollo UCR/000593 del 24 marzo 2020
ha delineato gli aspetti operativi utili ai
soggetti che intendono accedere a una delle misure:

Æ va
presentata alla propria banca/al proprio intermediario finanziario una
specifica comunicazione con la quale venga autocertificata la carenza di liquidità
temporanea quale conseguenza diretta della diffusione dell’epidemia.

Le banche possono,
inoltre, offrire ulteriori forme di moratoria, quale quella prevista dall’Accordo
per il credito 2019, che è stato ampliato e rafforzato.

La sospensione immediata delle rate dei finanziamenti e dei leasing

Possono accedere alle misure
le micro, piccole e medie imprese (pmi) aventi sede in Italia appartenenti a
tutti i settori che hanno subito in via temporanea carenze di liquidità per
effetto dell’epidemia.

 

Devi essere registrato per continuare a leggere l'articolo

Visita la pagina di iscrizione per maggiori informazioni